Al cimitero Monumentale, Lirica off canta “Va’ Pensiero” dal Nabucco di Verdi davanti al mausoleo di Tamagno e presenta il cartellone della stagione 2019/2020

“La lirica è una passione che deve arrivare a tutti . Soprattutto ai giovani. Il nostro obiettivo è di renderla accessibile a un pubblico sempre più vasto , portandola fuori dai grandi teatri  per riappropriarci degli spazi della città: dal borgo medievale del Valentino, al polo del 900, a Villa Amoretti, Museo A come ambiente , al cimitero. Creando un rapporto intimo con gli spettatori , che saranno poco più di cento ad ogni rappresentazione” . E’ con entusiasmo contagioso che il direttore artistico di Lirica Off, Giuseppe Raimondo, ha presentato alla stampa,  nella suggestiva cornice del  cimitero Monumentale davanti al mausoleo del tenore Tamagno, il cartellone degli spettacoli in programma da settembre  a maggio. Un progetto realizzato con il Coro dell’Impresa lirica Francesco Tamagno (fondata nel 1992 dal tenore Nicola Zagarìa, purtroppo scomparso,  e dalla moglie Angelica Frassetto tuttora attivissima), con il patrocinio del  Comune e con la collaborazione di AFC (la società pubblica che gestisce i cimiteri). Il calendario comprende sei opere liriche e cinque  concerti, realizzati  da quaranta cantanti lirici  e trentacinque  coristi, tutti artisti professionisti, in: cimiteri, biblioteche, musei, stazioni ferroviarie, teatri . L’ incursione lirica  nel territorio per ridefinire  gli spazi pubblici col bel canto, è iniziata al Monumentale, a fine conferenza stampa, con un flashmob  in cui il Coro Tamagno, ha  cantato un emozionante “ Va pensiero ” dal Nabucco di Verdi.  Il prossimo appuntamento sarà il 3 ottobre al Museo A come Ambiente in corso Umbria. Sono ad ingresso libero anche i concerti : “Padri e figli” a villa Amoretti ,il 5 novembre , “Il Viandante” di Schubert  al Museo A come ambiente, il 6 dicembre, “Tosti cantautore” il 17 dicembre a villa Amoretti.  I due eventi ospitati  presso la  Sala della Circoscrizione 7, in corso Belgio 91: “Frammenti di Tosca”, il 9 maggio e “Frammenti di Lucia di Lammermoor”, il 23 maggio .

“La donna il filo conduttore delle opere”, come ha sottolineato il critico musicale Alessandro Mormile che ha evidenziato le differenze avvenute nel mondo della lirica dai tempi di Tamagno, ultimo grande tenore della cosiddetta scuola ottocentesca, ad oggi-  “Tamagno, primo interprete dell’Otello,  era un mito legato alla voce,  si diceva avesse la tromba in gola per i suoi acuti, i cosiddetti tenori a spada con una  straordinaria espansione in acuto”- ha detto Mormile, aggiungendo – Oggi vi è qualche “divo”, ma non è più la voce la protagonista”.

Le opere. La prima opera in cartellone  di Opera OFF sarà  “La Traviata” di Verdi , regia di Alberto Barbi, il 4 ottobre nel Salone San Giorgio al Borgo medievale. Biglietto a prezzo popolare a 12 euro. Sempre il Valentino, ospiterà anche “Il Barbiere di Siviglia” di Rossini, il 17 ottobre, con la regia di Keigo Okamura e Lucia Falco che firma tutte le altre opere: “La voce umana” di Poulenc, dal testo dello scrittore francese Jean Cocteau , l’8 novembre al Teatro Vittoria; “ La dannazione di Carmen da Bizet a P.Brook “, il 16 novembre in San Pietro in Vincoli; ”Un giorno alle corse, Violetta, l’Opera e il sogno  della velocità”, l’11 dicembre al Museo dell’Automobile,  ed infine “Il Castello di Barbablù” di Bartok, il 19 dicembre al Polo del 900. Tutte le scene e i costumi sono stati creati dagli allievi del professor Massimo Voghera, dell’Accademia di Belle Arti Di Torino.

Nelle immagini sopra alcuni momenti della conferenza stampa con flashmob. Nella foto a destra, partendo da sinistra: il critico musicale Alessandro Mormile, la regista  Lucia Falco, il direttore artistico Giuseppe Raimondo, il pianista ventiduenne Alessandro Boeri e  la fondatrice dell’Impresa lirica F.Tamagno, Angelica Frassetto. Sotto fotogallery.

Consulta il programma Calendario OPERA OFF

Consulta schede delle opere Schede Opere

Fotogallery

Ultimo aggiornamento: 7 ottobre 2019

Torna su Torna all'inizio