Entro due anni e mezzo i romeni ortodossi avranno un luogo di culto al cimitero Parco

Torino sarà la prima città d’Italia ad avere un luogo di culto ortodosso romeno nel cimitero. La cappella, che sarà realizzata secondo i canoni estetici dell’arte Bizantina, sorgerà al Parco, nell’area di settemila metri quadrati concessa nel 2013 dal Comune alla Parrocchia ortodossa romena Santa Croce che ne sosterrà i costi. Circa trecentomila euro. L’avvio del cantiere entro l’anno. La struttura che dovrebbe essere ultimata entro due anni e mezzo, sarà di forma ottagonale, alta circa sei metri e mezzo, con una superficie di 60 metri quadrati fuori terra. Sotto una cripta con sepolture destinate ai religiosi e benemeriti.  Alla presentazione del progetto in Comune, sono intervenuti l’assessore ai diritti con delega ai cimiteri , Marco Giusta, il parroco Padre Lucian Rosu , Michela Favaro, presidente di AFC Torino Spa (la società pubblica che gestisce i cimiteri) e il console romeno Catalin Toscuta. L’assessore ha ringraziato tutti i soggetti che hanno reso possibile la realizzazione del progetto, affermando che – «La conclusione di questo percorso è un motivo di orgoglio per la nostra amministrazione, prima in Italia ad avere realizzato in un proprio cimitero uno spazio riservato a una confessione professata da una consistente parte della cittadinanza». “Un edificio simbolo che rappresenta come la comunità torinese sia sempre più interculturale” – ha aggiunto Michela Favaro di AFC.  Per il console Toscuta -“Oggi è stata scritta un pagina di storia e fratellanza”-.  Padre Rosu si augura che Torino sia di esempio anche per altre città , per sensibilità e attenzione all’ascolto dei bisogni.  “Questo non è un progetto di morte , ma di vita” – ha aggiunto,- Si è in terra straniera quando i semi volano in aria, quando i semi cadono in terra e mettono radici non è  più straniera” . La comunità romena è la più numerosa nella Città metropolitana, sono circa centomila. Di cui più della metà residenti a Torino. In due anni sono trenta i defunti sepolti con rito ortodosso al Cimitero Parco.

Nelle immagini sopra la conferenza stampa di presentazione del progetto. Presenti anche l’Amministratore delegato di AFC Antonio Colaianni, e i responsabili degli uffici tecnici del Comune e di AFC. Sotto il rendering della cappella.

 

Ultimo aggiornamento: 3 ottobre 2018

Torna su Torna all'inizio